Sabato 16 GIUGNO  2018

 

“Allora Giobbe rispose all'Eterno e disse:

«Riconosco che puoi tutto,

e che nessun tuo disegno può essere impedito.

Chi è colui che offusca il tuo consiglio

senza intendimento?

Per questo ho detto cose che non comprendevo,

cose troppo alte per me che non conoscevo.

Deh, ascolta, e io parlerò; io ti interrogherò

e tu mi risponderai.

Il mio orecchio aveva sentito parlare di te,

ma ora il mio occhio ti vede.

Perciò provo disgusto nei miei confronti

e mi pento sulla polvere e sulla cenere».

Giobbe 42:1-6

                     

 

 

La storia di un grande patriarca…

...simile a noi

Altre volte, in MANNA LIGHT, abbiamo meditato sulla storia di Giobbe, il grande patriarca, la cui storia risale alla notte dei tempi.

Quest’uomo, amato da Dio, visse un’esperienza estrema perché la sua vita divenne la posta in gioco tra due grandi potenze che si stavano scontrando: l’Iddio Onnipotente e Satana. Dio, che poteva fare ciò che voleva del suo servo Giobbe, decide di permettere al diavolo di toccargli i beni, la famiglia ed infine la salute.

Inizialmente Giobbe, nonostante il dolore, continua a benedire il suo Signore; ma quando la sofferenza fisica perdura, essendo stato provocato dalle obiezioni di alcuni amici, la sua fede vacilla e comincia a discutere con Dio, rivendicando dei diritti, perlomeno il diritto di capire.

Giobbe vuole comprendere le ragioni della sua sofferenza, visto che non è al corrente della sfida che il diavolo aveva rivolto a Dio all’inizio di tutto (Giobbe 1). A questo punto, il Dio Onnipotente, Creatore del cielo e della terra, si limita a mostrargli la grandezza della creazione e gli chiede se capisce tutto della realtà terrestre e celeste, se capisce come sono venute all’esistenza tutte le cose.

Allora il grande patriarca deve arrendersi di fronte alla propria ignoranza e deve ammettere che “ho detto cose che non comprendevo, cose troppo alte per me che non conoscevo”. Il piccolo e miserabile uomo deve desistere di fronte alla maestà del grande Dio dell’universo! E Dio non gli dà alcuna spiegazione!

La pretesa di Giobbe, che noi giudichiamo giusta e buona, (perché noi avremmo fatto come lui…) in realtà non era accettabile dal punto di vista di Dio. Perché?

Perché l’uomo non può capire le ragioni di Dio, visto che il Suo pensiero, i Suoi giudizi, le Sue vie sono incomprensibili per gli esseri umani. Infatti Giobbe ammette che le cose divine sono troppo alte per essere comprese dalla sua mente umana, molto limitata. Il fatto di chiedere spiegazioni è un atto di presunzione, di arroganza e di superbia, perché tratta il Creatore come un suo pari, pretendendo dei chiarimenti, come se fosse il padrone assoluto della propria vita.

Ma la vita di Giobbe non è altro che un soffio, un alito, nel tempo e nello spazio. Lui stesso l’aveva detto: “Ricòrdati che la mia vita è un soffio... i giorni miei non sono che un soffio” (Giobbe 7:7 e 16) E anche il salmista lo dirà: “L'uomo è simile a un soffio, i suoi giorni sono come l'ombra che passa.” (Salmo 144:4)

 

Carissimo/a,

quando anche noi, come Giobbe, arriviamo ad accettare che le vie del nostro Dio infinito, sono ben al di sopra e fuori dalla portata della nostra comprensione, finalmente ritroviamo la pace dell’anima.

La saggezza del cristiano è di acconsentire di non conoscere nulla di ciò che gli sta accadendo, accettando la sovranità di Dio in mezzo alla sofferenza. Non possiamo conoscere più di quanto Dio ha voluto rivelarci… le cose rivelate sono perfettamente sufficienti ad alimentare la nostra fede, la nostra fiducia nella Sua saggezza e nella Sua provvidenza.

Il versetto di Romani 8:28 non dovrebbe mai essere dimenticato, ma dovrebbe essere scolpito nella nostra mente in ogni circostanza:

“Or sappiamo che tutte le cose cooperano

al bene di quelli che amano Dio,

i quali sono chiamati secondo il suo disegno.”

Il Suo amore e la Sua bontà non verranno mai meno!

“La mia salvezza durerà in eterno,

la mia giustizia non verrà mai meno.” (Isaia 51:6)

“L'amore non verrà mai meno.” (1 Corinzi 13:8)

Il Padre celeste ci benedica!

Claudia Guiati - claudia@donnecristianenelweb.it

 

 

© Pagina stampabile per uso personale.

Ogni altro uso deve essere concordato con l'autore

 o con "Donne cristiane nel Web".

 

 

Puoi leggere le meditazioni di Manna Light su Facebook

alla pagina

https://www.facebook.com/lamannalight/

 

 

   claudia@donnecristianenelweb.it

 

       

Carissime amiche ed amici di Manna LIGHT,
da domani saremo assenti per un periodo di vacanza.
Ma torneremo... a Dio piacendo!
Potrete rileggere le meditazioni bibliche
a partire dal giorno 16 luglio p.v.
Nell'attesa, vi mandiamo un saluto affettuoso in Cristo Gesù,
nostro Salvatore e Signore
Sara e Claudia Guiati